CAMBIAMO L’EUROPA, CAMBIAMO L’ITALIA

CAMBIAMO L’EUROPA, CAMBIAMO L’ITALIA
MANIFESTAZIONE NAZIONALE Sabato 15 ottobre ROMA – ore 14

VIII CONGRESSO


I TRE DOCUMENTI CONGRESSUALI DI RIFONDAZIONE. Per chi volesse saperne di più cliccare QUI


MATERIALE DEL PROSSIMO CONGRESSO DI RIFONDAZIONE. Per chi volesse saperne di più cliccare QUI


MATERIALE DEL COMITATO POLITICO NAZIONALE PER IL PROSSIMO CONGRESSO. Per chi volesse conoscere tutti i contenuti cliccare QUI
MANIFESTAZIONE 16 OTTOBRE ROMA

giovedì 26 gennaio 2012

Giù le mani dall'acqua! Odg approvato dal CPN

Dopo le dichiarazioni velenose contro il referendum, definito addirittura un imbroglio da parte di esponenti dell’esecutivo in carica, il governo Monti tramite l’imminente decreto sulle liberalizzazioni vuole rendere impossibile la gestione dell'acqua e dei servizi pubblici locali a rilevanza economica da parte di aziende speciali o soggetti di diritto pubblico.
Con l’art. 20 (“Aziende speciali e istituzioni”) – che sembra scritto direttamente da Acea, A2A, Hera, Iren e dagli altri gestori privati e dai loro alti consulenti - si attacca proprio il risultato ottenuto dal primo quesito referendario sui servizi pubblici locali che, come da disciplina comunitaria, aveva eliminato l'obbligatorietà della gara e della riduzione della partecipazione pubblica rendendo possibili le gestioni dirette degli enti locali anche attraverso enti di diritto pubblico, quali le aziende speciali.
Si dichiara infatti che le aziende speciali possono intervenire solo “per la gestione di servizi diversi dai servizi di interesse economico generale” (mantenendo artatamente il servizio idrico integrato entro questa categoria) e le si assoggetta per la prima volta al patto di stabilità interno.
In questo modo anche l'acqua verrebbe gestita necessariamente da società per azioni o attraverso gara o per affidamento diretto.
E’ un atto violento che vanifica il risultato del referendum e i 27 milioni di voti in favore dell’acqua pubblica e di una diversa gestione dei servizi pubblici locali.
E’ un atto scellerato contro la scelta di ripubblicizzazione compiuta dal comune di Napoli. Modello nazionale e ottimo esempio di governo cittadino di cui facciamo orgogliosamente parte.
Alla luce di questi fatti,
il CPN di RIFONDAZIONE COMUNISTA
impegna il Partito tutto a:
* Firmare e far girare il più possibile l’appello “Giù le mani dall'acqua e dalla democrazia!” promosso dal Forum Italiano dei Movimenti per l’Acqua
* promuovere mobilitazioni sui territori contro questa scelta che conferma ulteriormente l’impianto liberista di un governo che non è espressione di un voto popolare
* invitare tutt* ad esporre nuovamente le bandiere dell'acqua, alle quali affiancare le nuove bandiere della campagna di Obbedienza Civile, nella quale è scritto chiaramente "il mio voto va rispettato"
* nelle giornate del 18 e19 gennaio, a ridosso dell’approvazione in Consiglio dei Ministri del Decreto che contiene l'affossamento dei referendum, organizzare, insieme alle altre forze che si oppongono a questo disegno, iniziative di visibilità nei punti centrali delle città
* Ad avanzare atti e mozioni tramite i rappresentanti negli enti locali in favore della difesa del risultato referendario
* A caratterizzare dei contenuti in favore dell’acqua pubblica e contro le scelte del governo la giornata del 20 gennaio, quando a Roma si terrà un vertice tra Merkel, Sarkozy e Monti, i tre principali responsabili della speculazione finanziaria sui titoli di stato europei e della demolizione dei sistemi di protezione sociale, del welfare e dei diritti dei lavoratori in Europa.

La Segreteria nazionale - approvato

Nessun commento:

Posta un commento